Il cyber-bullismo è una forma di disagio relazionale, di prevaricazione e di sopruso perpetrata tramite i nuovi mezzi di comunicazione come le chat, i social, i telefoni cellulari ed il web in generale. Tale pratica sta diventando una vera e propria emergenza sociale e diventa prioritario comprenderla e capire le sue reali dimensioni.

Le caratteristiche specifiche del cyberbullismo sono:

  1. Anonimato: il prevaricatore può nascondersi dietro uno schermo, umiliare la vittima e divulgare materiale offensivo ad un vasto pubblico e in modo anonimo (disinibizione);
  2. Pervasività: la vittima è perennemente a rischio di bullismo vista la presenza di dispositivi sempre connessi (anywhere, anytime);
  3. Diffusione – ampiezza di portata: una volta che un messaggio o una foto sono stati inviati via email o chat o postata su un sito, è molto difficile eliminarne traccia definitivamente (può essere già stato salvato da altri utenti). Basta un click, perché il materiale venga diffuso.

Il contributo di Net Reputation alla comprensione di questa problematica è la realizzazione e la diffusione dei seguenti sondaggi che chiamano in causa le tre categorie maggiormente interessate dal fenomeno: ragazzi (tra i 12 e i 18 anni) – genitori (con figli che hanno tra i 12 e i 18 anni) insegnanti (con alunni tra i 12 e i 18 anni) cercando di capire ed evidenziare i diversi punti di vista e livelli di consapevolezza del problema.

La compilazione dei sondaggi che segue è libera ma offriamo a scuole, centri giovani, centri di ascolto, associazioni di categoria, la possibilità di avere un sondaggio online (o su carta) “personalizzato” da compilare in maniera tale che il soggetto proponente possa da noi ricevere in forma esclusiva statistiche specifiche dal proprio canale di provenienza. I risultati aggregati e anonimizzati saranno invece pubblicati sotto forma di ebook liberamente scaricabile su https://www.netreputation.it entro il 2017.

Il questionario non ha la pretesa di indagare le problematiche psicologiche (emozioni, disturbi, ecc.), bensì vuole solo fare chiarezza sulle modalità di fruizione e sulla conoscenza del fenomeno: il nostro apporto anche tramite l’ebook in preparazione sarà esclusivamente tecnico ed informativo, l’obiettivo finale è quello di fornire una serie di indicazioni utili per tutelarsi e difendersi in rete (perlopiù ad un livello di prevenzione). Al fine di un uso consapevole delle tecnologie digitali, diventa sempre più necessario promuovere l’educazione ai media, con riferimento alla comprensione critica dei mezzi di comunicazione.

Autori del sondaggio: Vincenzo Bianculli, Enrico Bisenzi e Marco Pini.

Collaborazioni: ringraziamo per la diffusione del sondaggio… (sono in atto diverse collaborazioni per una diffusione massiva di questo sondaggio fra insegnanti, genitori e studenti di cui daremo resoconto aggiornato)


Per approfondimenti:

[ Link diretto al modulo-sondaggio da compilare online ]